Ministars 2017

26° Trofeo Ministars
Vai ai contenuti

Menu principale:

CHI SIAMO
Remo Maggetti nato a Roseto il 26/09/1937 in via Genova (padre Giovanni mamma Anna Pomante).

All'età di 7 anni (1944) perde la madre, in pieno conflitto si avvia ad affrontare il dopoguerra senza il conforto materno.
Ancora giovanissimo Remo fu visto giocare a calcio da un amico villeggiante che gli fece una grossa pressione per poterlo portare alla S.S. Lazio o al Pescara. All'età di 14 anni (1951) ad iniziare i primi passi nel basket e si mise subito in luce con Bruscia Iafet come allenatore nel contesto dei suoi compagni grazie alla sua dinamicità esplosiva, tenuta fino in fondo alla sua vita cestistica.
Negli anni successivi Remo giocò sia nella squadra di calcio cittadina, la Polisportiva Rosetana Calcio, sia nella squadra locale di basket, Il Roseto Basket, fino a che a 18 anni scelse definitivamente il basket.
Sono storia i suoi allenamenti all'arena 4 Palme sotto la pioggia e al chiaro di luna sempre alla ricerca della migliore situazione di tiro vedi il famoso palleggio-arresto e tiro di cui è stato l'iniziatore.
La sua carriera è un susseguirsi di titoli e vittorie condite da una vita esemplare dentro e fuori dal campo, con una lunga militanza in Serie A. Tra i suoi successi si ricordano in particolare la conquista di 2 scudetti (1961, 1964), della Coppa Intercontinentale a Madrid nel 1966 con l'Ignis Varese e della Coppe delle Coppe con la Basket Napoli nel 1971. Ha anche rappresentato per 2 volte la nazionale italiana con 2 punti all'attivo. Ritiratosi dall'attività agonistica, ha svolto un gran lavoro dirigenziale nelle squadre giovanili, diventando un punto di riferimento dello sport rosetano oltre che essere l'ambasciatore e simbolo del movimento sportivo abruzzese in Italia.

Muore, dopo una breve malattia, all'età di 65 anni.

Dal 2004 è intitolato a lui il palazzetto dello sport di Roseto degli Abruzzi.Si distingueva come "piccolo genio" in tutte le pratiche sportive e non che lo vedevano partecipe.

CALENDARIO

ESORDIENTI

AQUILOTTI
GIRONE SMILE
MINIBASKET ROSETO
PORTO S. GIORGIO
MATERA
ATRI
GIRONE HAPPY
VARESE
MALNATE
CHIETI
CASERTA

UNDER 16
GIRONE MARE
MAGIC CHIETI                              VIRTUS ROSETO
SPIROU CHARLEROI                    AMFORA MAKARSKA
LEONCINO MESTRE                       ROSETO SHARK
SQUADRE

ESORDIENTI

AQUILOTTI

UNDER 16
REMO MAGGETTI
Remo Maggetti nato a Roseto il 26/09/1937 in via Genova (padre Giovanni mamma Anna Pomante).

All'età di 7 anni (1944) perde la madre, in pieno conflitto si avvia ad affrontare il dopoguerra senza il conforto materno.
Ancora giovanissimo Remo fu visto giocare a calcio da un amico villeggiante che gli fece una grossa pressione per poterlo portare alla S.S. Lazio o al Pescara. All'età di 14 anni (1951) ad iniziare i primi passi nel basket e si mise subito in luce con Bruscia Iafet come allenatore nel contesto dei suoi compagni grazie alla sua dinamicità esplosiva, tenuta fino in fondo alla sua vita cestistica.
Negli anni successivi Remo giocò sia nella squadra di calcio cittadina, la Polisportiva Rosetana Calcio, sia nella squadra locale di basket, Il Roseto Basket, fino a che a 18 anni scelse definitivamente il basket.
Sono storia i suoi allenamenti all'arena 4 Palme sotto la pioggia e al chiaro di luna sempre alla ricerca della migliore situazione di tiro vedi il famoso palleggio-arresto e tiro di cui è stato l'iniziatore.
La sua carriera è un susseguirsi di titoli e vittorie condite da una vita esemplare dentro e fuori dal campo, con una lunga militanza in Serie A. Tra i suoi successi si ricordano in particolare la conquista di 2 scudetti (1961, 1964), della Coppa Intercontinentale a Madrid nel 1966 con l'Ignis Varese e della Coppe delle Coppe con la Basket Napoli nel 1971. Ha anche rappresentato per 2 volte la nazionale italiana con 2 punti all'attivo. Ritiratosi dall'attività agonistica, ha svolto un gran lavoro dirigenziale nelle squadre giovanili, diventando un punto di riferimento dello sport rosetano oltre che essere l'ambasciatore e simbolo del movimento sportivo abruzzese in Italia.

Muore, dopo una breve malattia, all'età di 65 anni.

Dal 2004 è intitolato a lui il palazzetto dello sport di Roseto degli Abruzzi.Si distingueva come "piccolo genio" in tutte le pratiche sportive e non che lo vedevano partecipe.

Torna ai contenuti | Torna al menu